Fattura Elettronica: nuovi chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate

Fattura Elettronica Il 17 giugno l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare n.14 per fornire chiarimenti riguardanti le fatture elettroniche e le recenti modifiche normative. Vi invitiamo a leggerla attentamente cliccando su questo link.

Fra le novità riguardanti l'emissione delle fatture, spicca il fatto che, dal 1 luglio 2019:

  • tra le indicazioni che il documento deve recare figuri anche la «data in cui è effettuata la cessione di beni o la prestazione di servizi ovvero data in cui è corrisposto in tutto o in parte il corrispettivo, sempreché tale data sia diversa dalla data di emissione della fattura» (cfr. il nuovo comma 2,lettera g-bis);
  • la possibilità di emettere la fattura «entro dieci giorni dall'effettuazione dell’operazione determinata ai sensi dell’articolo 6» (così il nuovo comma 4, primo periodo).

Sempre a riguardo della data di emissione, la circolare precisa:

In premessa va rammentato – in richiamo a quanto già precisato in altre sedi (si veda la circolare n. 13/E del 2018, quesito 1.5, nonché il provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate prot. n. 89757 del 30 aprile 2018) – che «La data di emissione della fattura elettronica è la data riportata nel campo "Data" della sezione "Dati Generali" del file della fattura elettronica, che rappresenta una delle informazioni obbligatorie ai sensi degli articoli 21 e 21-bis del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633».

In considerazione del fatto che per una fattura elettronica veicolata attraverso lo SdI, quest’ultimo ne attesta inequivocabilmente e trasversalmente (all'emittente, al ricevente e all'Amministrazione finanziaria) la data (e l’orario) di avvenuta "trasmissione", è possibile assumere che la data riportata nel campo “Data” della sezione “Dati Generali” del file della fattura elettronica sia sempre e comunque la data di effettuazione dell’operazione.

Ciò significa che, anche se l’operatore decidesse di "emettere" la fattura elettronica via SdI non entro le ore 24 del giorno dell’operazione (caso tipico della fattura immediata) bensì in uno dei successivi 10 giorni previsti dal novellato articolo 21, comma 4, primo periodo, del decreto IVA, la data del documento dovrà sempre essere valorizzata con la data dell’operazione e i 10 giorni citati potranno essere sfruttati per la trasmissione del file della fattura elettronica al Sistema di Interscambio.

Alla luce di quanto riportato, e in attesa di ulteriori chiarimenti, stiamo valutando la possibilità di emettere le fatture differite con data corrispondente all'ultimo documento di trasporto presente nelle stesse.